venerdì 17 agosto 2018

Palazzo Datini: la casa del mercante di Prato

Palazzo Datini è il palazzo che Francesco di Marco Datini, noto mercante medievale fece costruire tra via del Porcellatico e via ser Lapo Mazzei. Infatti, dopo aver vissuto dai 15 ai 40 anni nella città di Avignone ed affermatosi come ricco mercante, Francesco Datini volle ritornare nella sua Prato costruendo il palazzo più bello e più grande della città.

Immagine_Facciate_Palazzo_Datini_Prato
Facciata di Palazzo Datini

Palazzo Datini, la cui costruzione iniziò nel 1383, non solo era la sua dimora ma anche il suo centro d'affari, il luogo che gli dava prestigio: numerosi personaggi dell'epoca vi furono ospitati tra cui il papa Alessandro V e il re di Francia Luigi d'Angiò, arrivati a Prato rendere omaggio all'ostensione della cintola.

Immagine - San Cristoforo - Palazzo Datini
San Cristoforo di Niccolò Gerini

Intorno al 1390 Francesco Datini chiamò ad affrescare gli ambienti interni del palazzo con artisti che in quegli anni andavano per la maggiore, da Niccolò di Pietro Gerini, Agnolo Gaddi, Bartolomeo di Bertozzo e Tommaso del Mazza.

Subito dopo la porta d'ingresso di Palazzo Datini si nota S.Cristoforo di Niccolò Gerini (1391-1394). La porta a sinistra ci conduce nella sala delle udienze con soffitto a volta e affrescato dalla bottega di Agnolo Gaddi con scene di caccia.

Immagine_Soffitto_Sala_Udienze_Palazzo_Datini
Soffitto della Sala delle udienze di Palazzo Datini con i volti femminili

E' in questa sala del Palazzo che appaiono sul soffitto dei volti femminili che recenti lavori di restauro hanno dimostrato che sono stati realizzati su una speciale carta che è rimasta intatta fino ad oggi.

A destra del corridoio di Palazzo Datini si apre la sala dello scrittoio affrescata da Agnolo Gaddi con un bosco popolato da animali selvatici. Nella volta a crociera si possono distinguere gli stemmi di Francesco Datini e di Margherita Bandini, sua moglie.

Dal fondo del corridoio si accede invece al cortile con il pozzo, le cui decorazioni sono conservate in una stanza che si affaccia su via Rinaldesca.

Immagine_Abiti_Francesco_Margherita_Datini
Abiti di Francesco e Margherita Datini nella sala delle Cicogne

In via ser Lapo Mazzei l'altro portale ci conduce all'Archivio di Stato di Prato con il più grande deposito di documenti contabili medievali esistente e appartenuto a Francesco Datini che aveva fondato scali commerciali in tutta Europa (Prato, Firenze, Pisa, Barcellona, Avignone, Alessandria d'Egitto).

Registri contabili, corrispondenze commerciali e perfino lettere che i coniugi Datini si scambiavano durante i periodi di lontananza.

Palazzo Datini di Prato è sede del Museo Casa Datini e dell'associazione italiana Case della memoria come testimonianza di vita del mercante medievale che ha consegnato ai posteri il più ampio archivio economico di quel periodo.

Qui un video della Regione Toscana su Palazzo Datini 



Vuoi alloggiare in appartamento nei pressi di Palazzo Datini?