Santuario della Madonna del Giglio: una leggenda poco conosciuta

Il radicato culto mariano che da sempre ha caratterizzato la città di Prato si può osservare anche nel Santuario della Madonna del Giglio, situato in via San Silvestro, nei pressi dell'attuale Piazza San Marco. Dobbiamo tenere presente che questa piazza è nata grazie all’abbattimento di Porta fiorentina e di una piccola parte della cinta muraria.

Facciata della chiesa della Madonna del Giglio
Facciata della Chiesa della Madonna del Giglio
Ecco che si può percepire che questo luogo fosse protetto e vi sorgesse anticamente uno spedale chiamato di San Silvestro. Fu terminato nel 1270 e fu trasformato in santuario solo dopo una serie di miracoli che avvennero durante la seconda metà del 1600.

Il rifiorire di un giglio secco posto davanti a una Madonna con Bambino del primo quattrocento, dipinta sul pozzo esterno della chiesa, fece sì che il complesso fosse trasformato in santuario su progetto di Pier Francesco Silvani nel 1680.

Immagine della copia della Madonna con Bambino
La copia del dipinto dentro il piccolo pozzo (L'originale è all'interno della Chiesa)
Il pozzo è ancora oggi visibile sul lato di via San Silvestro e ricorda il fatto miracoloso avvenuto, secondo la leggenda, il 26 agosto del 1664. L'immagine originale della Madonna fu poi trasferita sull'altare all'interno della Chiesa ed è ancora oggi visibile.

Un portale duecentesco ci accoglie prima del portone mentre all’interno della Chiesa vi sono dipinti del ‘700 fra cui uno del fiorentino Piero Dandini.