Amaretti di Carmignano: biscotti alle mandorle

Amaretti di Carmignano La ricetta degli amaretti di Carmignano, dolce tipico del paese mediceo, si tramanda da secoli e risale a fine ottocento quando erano protagonisti dei matrimoni ed erano serviti durante i giorni di festa.
Giovanni Bellini detto I'Fochi, per il suo carattere impetuoso, fu l'ideatore di questa ricetta intorno al 1897, e ancora oggi nel suo negozio di via Roma a Carmignano, gli amaretti vengono sfornati proprio come più di un secolo fa.

Gli amaretti di Carmignano sono piccoli e profumati, dall'aspetto semplice: vengono fatti con mandorle dolci e amare poi macinate e tostate e poi impastate con chiari d'uovo e zucchero. L’impasto è morbido.

Accompagnati da Vin Santo di Carmignano gli amaretti sono dei dolci prelibatissimi, ma allo stesso tempo semplici come qualsiasi piatto della tradizione toscana.

Il biscotto è entrato a far parte della Strada dei Biscotti della Provincia di Prato, l'itinerario che unisce le maggiori specialità dolciarie del territorio pratese.

Ingredienti per gli amaretti di Carmignano:
300 g mandorle dolci pelate, 30 g mandorle amare, 480 g di zucchero, 5 albumi.

Preparazione per gli amaretti di Carmignano:
Le mandorle, tutte di provenienza italiana sono l'ingrediente principale. Vengono macinate con lo zucchero fino ad ottenere una consistenza farinosa, il tutto viene impastato con l'albume d'uovo, e lasciato riposare per tre ore . Quindi l’impasto (fatto a monticini) viene disteso a disteso a mano su dei fogli di ostia e messo in forno per 12 minuti a 175 gradi.